Peso Felice

Orari: Lun - Ven 10-18

Contatti: +39 331 19 30 255

Lasciar andare

Lasciar andare

LasciaR andare: scopri come riprenderti la tua vita

Cosa significa lasciar andare? Significa riprenderci la nostra libertà, liberarci dagli attaccamenti e accettare che in questa vita ogni cosa è impermanente.

Lasciar andare è una delle sfide più grandi che siamo chiamati ad affrontare come esseri umani, ma riuscirci è possibile, a patto che ci concediamo di farlo con un percorso consapevole.

Un percorso che certo, potrà avere dei momenti sfidanti, magari difficili, ma che è l’unica via possibile per riacquistare serenità e gioia se è arrivato il momento di lasciar andare qualcuno o qualcosa.

Cosa significa lasciar andare una persona?

Lasciar andare coppia che si tiene per mano

Iniziamo dal principio: lasciare andare le cose significa permettere che fluiscano naturalmente e questo vuol dire acquisire la consapevolezza che lottare per qualcosa difficilmente ci permetterà di stare meglio.

Accettare significa essere consapevoli, e quindi convinti, che le cose sono così come sono e che cambiarle quando manca il potere o anche il diritto di farlo è uno spreco di energia.

Molte persone pensano che lasciar andare significhi essere deboli, rassegnarsi e, di conseguenza provare emozioni difficili come la tristezza, il senso di abbandono, la solitudine o addirittura la rabbia per essere stati inermi di fronte a certe situazioni.

Nulla di più sbagliato. Lasciare andare è, infatti l’esatto opposto di questa visione perché significa osservare la realtà da una prospettiva diversa, e soprattutto assumere un ruolo diverso, ovvero diventare da vittima a protagonista di una situazione.

Il cambio di visione è formidabile, e lo si può notare soprattutto nel caso in cui occorre lasciar andare una persona.

Lasciar andare chi ci sta vicino

Succede quando ci aggrappiamo a qualcuno dal punto di vista emotivo, che può essere una persona che non corrisponde i nostri stessi sentimenti in una relazione romantica, ma anche di amicizia, di famiglia e di qualsiasi altro rapporto sociale.

Se ci aggrappiamo alle persone, nei casi più estremi questo può tradursi in una dipendenza emotiva, uno stato alquanto difficile da superare e che è bene prevenire cercando di capire come lasciar andare quella persona.

Aggrapparsi emotivamente a una certa persona può, infatti, generare disillusione, senso di abbandono, frustrazione, tristezza e altre emozioni difficili che sono, purtroppo, una porta spalancata verso una dieta disordinata e, di conseguenza all’aumento incontrollato di peso.

Emotività e controllo

Ecco perché, il metodo Happy Weight – Peso Felice, lavora con tecniche che vanno ben oltre il piano alimentare o la tabella di esercizio fisico, e si concentrano sul lato emotivo ed emozionale della persona.

Ed è per questo che oggi stiamo dedicando un articolo al lasciar andare, ovvero alla necessità di liberarci consapevolmente ciò che ha smesso di essere parte della nostra vita, che si tratti persone, luoghi, credenze, pensieri, emozioni, passato e anche immagine di noi stessi (scoprirai perché fra qualche riga).

Nel nostro studio abbiamo aiutato moltissime persone a superare abbandoni, lontananze e allontanamenti che generavano emozioni disfunzionali al benessere fisico.

Lo abbiamo fatto e lo facciamo tuttora con un profondo lavoro allo specchio, che permette di comprendere quali sono le origini di queste emozioni, per poterle successivamente lasciar andare, assieme all’oggetto che crea smarrimento, confusione o sofferenza.

Quando è il momento di lasciar andare una persona?

Lasciar andare tempo di lasciar andare

In molti ci chiedono quando è il momento di lasciar andare una persona.

Dal punto di vista del benessere fisico, come abbiamo visto aggrapparsi con tutte le forze a una persona può generare delle emozioni disfunzionali quali la tristezza, la sofferenza il senso di abbandono e anche abbattere pericolosamente l’autostima.

Questo, a sua volta, può portare a mangiare di più, a mangiare male o anche a mangiare troppo poco, ovvero a smettere di vedere il cibo come un nutrimento, come l’energia che ci permette di vivere e di stare bene e iniziare purtroppo a percepirlo come un conforto.

Un conforto che però nasconde delle insidie, e anche delle potenziali dipendenze, soprattutto se ci buttiamo a capofitto su cibi malsani, sullo zucchero, sui grassi e su tutto ciò che ha tantissimo sapore e pochissima sostanza nutriente.

Questo è normale, perché molto spesso, le emozioni disfunzionali portano a mangiare tanto e male, a smettere di cucinare i cibi e preferire soluzioni confezionate, ricche di zucchero e anche, delle volte ad esagerare con le bevande alcoliche o con tutti quegli alimenti bevande che hanno un potere euforizzante o, viceversa, narcotico.

Queste scelte alimentari sono ovviamente malsane e oltre ad essere una porta spalancata verso l’aumento del peso, generano un vortice negativo di stati fisici ed emozionali negativi, che alimentano il malessere, arrivando anche a generare disturbi di salute.

Quando si ama si lascia andare?

Lasciar andare coppia felice

La risposta è sì, quando si ama si lascia andare ma prima di tutto è importante capire che la prima persona che bisogna amare siamo noi stessi.

Lasciar andare significa, infatti, cominciare o ricominciare a provare un profondo amore nei propri confronti e capire che è finalmente arrivato il momento di voltare pagina, lasciando che il destino faccia il suo corso senza tentare di forzarlo.

Per fare alcuni esempi pratici, possiamo pensare a persone che ci hanno lasciato, o che si sono allontanate da noi, ma anche a luoghi che per diverse ragioni abbiamo dovuto lasciare.

Altre volte è bene lasciar andare delle credenze, perché capiamo che erano false, oppure forzate.  Ad esempio, possiamo aver creduto per molto tempo che l’azienda dove lavoriamo fosse un posto d’oro, ma dopo cambiamenti o scelte di nuovo corso, accorgerci di essere in disaccordo con i suoi ideali.

Questa situazione può generare smarrimento, annullare il senso di appartenenza che magari è stato coltivato per anni e portare a sentirsi circondati da persone nemiche, in un ambiente nemico.

Anche se si fa fatica a spiegarlo a parole, anche il passato è protagonista ricorrente quando parliamo di aggrapparsi a qualcosa.

Può trattarsi di un passato felice, di un passato vissuto con una certa persona, di un passato familiare, o semplicemente di un passato privo di tutte le preoccupazioni e le sfide che siamo chiamati ad affrontare oggi.

Questi sono solo alcuni esempi in cui occorre lasciar andare e, per farlo, esistono diverse tecniche, ma un unico punto di partenza.

Come si fa a lasciar andare?

Lasciar andare cuore spezzato

Questa è una domanda da 1 milione di dollari: come si fa a lasciar andare? 

Come visto, ci sono diversi modi, diversi supporti e anche diverse tecniche per iniziare a lasciare andare persone, luoghi, eventi, passati e situazioni della nostra vita.

Tutti, però, hanno un punto di partenza: bisogna riconoscere ciò che bisogna lasciar andare, altrimenti riuscirci sarà impossibile.

Per questo, nel nostro studio lavoriamo in modo profondo, dolce e protetto sotto questo aspetto, aiutando a scoprire ciò che bisogna lasciar andare, per iniziare un percorso di perdita del peso completo.

Un percorso che si concentra sicuramente sul fisico, ma che essendo olistico abbraccia le emozioni, i pensieri, gli stati d’animo e i sentimenti che tutti noi proviamo.

Un percorso che è a fianco di chi vuole stare meglio, ritrovare il peso forma e aprire le porte a un futuro libero dall’attaccamento e, per questo, finalmente e pienamente felice.

Se vuoi saperne di più e avere informazioni sul metodo Happy Weight – Peso felice contattaci qui.

Voi scoprire come raggiungere il tuo peso ideale senza rinunce e con il sorriso?
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy